21st

Febbraio

Valentina Cortese una diva d’altri tempi

Nella ricorrenza del centenario dalla nascita, Regione Lombardia ha condiviso con i biografi Elisabetta Invernici e Antonio Zanoletti il desiderio di rendere omaggio a Valentina Cortese, diva e donna fuori dall’ordinario.

La mostra e il libro “Valentina Cortese – Album di famiglia” a cura di Elisabetta Invernici e Antonio Zanoletti ripercorrono la sua vita con uno sguardo più intimo e familiare dando spazio a notizie inedite e fotografie mai pubblicate prima d’ora. A partire dalla immagine iconica del progetto, a firma Ghitta Carell. La mostra biografico-fotografica si terrà presso IsolaSET, Palazzo Lombardia, via Galvani 27, con il patrocinio di Regione Lombardia dal 2 al 24 marzo 2023 (ingresso libero, sabato e domenica compresi, ore 10.30 / 19.30).

Era l’ultima grande diva del cinema e del teatro italiano, Valentina Cortese, scomparsa a 96 anni nella sua bella casa, l’ex-conventino di piazza S. Erasmo a Milano. La
morte del figlio unico, Jackie Basehart, nel 2015, è stato il colpo più duro. “Ancora un giro di clessidra e lo raggiungo”, ripeteva Valentina Cortese con quella stessa voce morbida di quando, nel ’73, recitava Séverine, ironico autoritratto di star col turbante in Effetto Notte di François Truffaut.

A Milano la Cortese aveva vissuto l’amore passionale con Giorgio Strehler e quello più consapevole e calmo con suo marito, l’industriale farmaceutico Carlo De Angelis, che le fu devoto. Negli ultimi tempi si dice che la sua vita fosse più triste, non solo a causa dell’età, ma anche per il rapporto complicato con la nuora Tatiana. Gli amici raccontano che la controllasse, filtrasse le persone che potevano vederla e che avesse sgombrato in parte la casa dei suoi amati cimeli per allontanarla dal suo passato.

Valentina Cortese

La generazione Z non puo’ ricordarsela, ma il suo nome fu sinonimo di divismo e glamour e lei era una delle più grandi attrici italiane a Hollywood, Roma, Parigi, Londra e Milano.

Interpreto’ il ruolo di seduttrice di camionisti in I corsari della strada, il noir di Jules Dassin del ’49, Ljuba nel Giardino dei ciliegi diretto a teatro da Giorgio Strehler, con Séverine di Truffaut, icone indimenticabili.

Occhi verdi, pelle bianchissima, charme, era amica della principessa Grace e di Ingrid Bergman che le dedicò l’Oscar nel ’75 (“Lo meritava lei per Effetto Notte, non io”, disse Bergman all’Academy). Ha fatto i pop corn a casa di Paul Newman e tenuto a battesimo Anthony, il figlio di Gregory Peck, come raccontò anche nel suo libro Quanti sono i domani passati.

Di Paolo Brambilla

Puoi leggere anche Carla Fracci, icona della danza

Avatar photo
- Published posts: 32

Paolo Brambilla, pubblicista, consigliere dell'Ordine dei Giornalisti della Lombardia per il triennio 2021-2024, è il direttore responsabile dell’Agenzia di stampa Trendiest Media. Bocconiano, scrive su varie testate di economia e finanza ed è direttore responsabile della testata La Mia Finanza. Rappresenta l’Italia nella World Federation of Investors e nell'associazione a tutela dei risparmiatori europei Better Finance (con sede a Bruxelles). Amante dell’innovazione in tutti i campi, e particolarmente nel digitale, scrive regolarmente sul sito di Assodigitale. Rotariano, past assistant governor per la città metropolitana di Milano, promuove da tempo le attività di volontariato del Rotary International.

Comments are closed.