10th

Gennaio

Amadeus, buona educazione e simpatia

Ha ricordato Mihajlovic introducendo con Gianni Morandi la finale di Sanremo Giovani dal teatro del Casinò della città ligure; Amadeus, anche quest’anno sarà il conduttore e direttore artistico di Sanremo, dal 7 all’11 febbraio 2023.

Parliamo di Amadeus, nome d’arte di Amedeo Umberto Rita Sebastiani, nato a Ravenna, ma con genitori originari di Palermo. Nella città veneta Amadeus ha iniziato a frequentare la radio locale, ma la sua vita è cambiata con l’incontro con Claudio Cecchetto. 

Amadeus
Sanremo Festival host and artistic director, Amadeus on stage at the Ariston theatre during the 71st Sanremo Italian Song Festival, Sanremo, Italy, 05 March 2021. The festival runs from 02 to 06 March. ANSA/ETTORE FERRARI

Amadeus si è affermato come conduttore tv dagli anni 90, con quiz, programmi vari sia su Mediaset, che sulla Rai. Il suo successo è noto a tutti, come la sua bravura e simpatia, ma non solo. Sì, perché Ama – così lo chiama anche il suo amico Fiorello- ha rivoluzionato e modernizzato il Festival di Sanremo introducendo personaggi virali senza alterare il fascino di una gara che dura da ben 73 anni, con l’aggiunta di una sorta di tv parallela con aggiornamenti continui che durano tutto l’anno e non solo durante i giorni del Festival.

Social network, #, eventi, ospiti che confermano la loro partecipazione non sono che un piccolo tassello dell’evoluzione della comunicazione del Festival, studiata da Amadeus seguendo i trucchi dell’influencer marketing. E lo stesso vale per la musica, big, ma anche cantanti influencer che macinano milioni di followers sui social network.

Amadeus ha iniziato da giovanissimo a lavorare come disc jockey in bar e discoteche. Poi sono arrivate le collaborazioni con Radio Verona e Radio Blu. Claudio Cecchetto, poi, lo ha lanciato su Radio Deejay insieme ad altri talenti come Fiorello, Jovanotti, prima di passare per due anni a Radio Capital Music Network. Dal 1996 al 2008 non ha più lavorato in radio per poi tornare tra il 2008 e il 2017 a Rtl 102.5.

Ha lavorato con Luca Laurenti, Stefano Tacconi, Dj Angelo, Gerry Scotti, in tv ha esordito nel 1998 su Italia 1 e poi condotto diversi programmi musicali. Nel 1993, dopo l’esperienza con Deejay Television, fu chiamato da Vittorio Salvetti a condurre il festivalbar. Un grande successo, dopo il quale sino al 1999 continuerà a lavorare in Mediaset, per approdare, poi, in Rai, con la nascita del signore del preserale, nel 2002, con L’eredità, gioco ideato da lui e Stefano Santucci, che ha raggiunto anche gli oltre 8 milioni di telespettatori.

Mediaset e Rai se lo sono contesi per anni, tra i vari programmi di grande successo, sino al 2019, quando viene annunciato come conduttore e direttore artistico di Sanremo, registrando un grande successo con il 54,78% di share medio.

Grazie al grande successo ottenuto, la coppia Amadeus-Fiorello ha ricevuto il Premio Biagio Agnes 2020 per la categoria Premio costume e società e Premio Evento Tv dell’anno per il migliore Festival di Sanremo fatto finora e dopo il successo ottenuto è stato confermato alla guida del Festival per le due edizioni del 2023 e 2024.

Se prima Sanremo era considerato come una semplice vetrina di passaggio, ora la rassegna canora, grazie alla sua strategia di comunicazione, è vista come un momento capace di spostare realmente gli equilibri in termine discografici.

Buona educazione e simpatia restano i suoi biglietti da visita da sempre!

Di Federica Lelapi

Puoi leggere anche Intervista a Fabio Liuzzi

Avatar photo
- Published posts: 8

Dopo i percorsi accademici in Filosofia e in Politiche europee e internazionali, ha iniziato a lavorare nel mondo dell'editoria e della comunicazione nel 2011 per una Casa Editrice di saggistica filosofica. Attualmente si occupa di media relations e di giornalismo con un focus sull'innovazione e sulle tematiche economico-finanziarie; in questo ultimo settore ha seguito anche la comunicazione delle società quotate e delle aziende che devono intraprendere il processo di IPO.

Comments are closed.