29th

Ottobre

La Mostra Diffusa: un percorso che coniuga arte e comunicazione

La Mostra Diffusa è un percorso itinerante che coniuga arte e comunicazione coinvolgendo le vetrine delle Botteghe Storiche di Galleria&Friends. Ogni singola bottega espone un’opera, disponibile alla visita e alla vendita. L’iniziativa, curata da Elisabetta Invernici e Alberto Oliva, in collaborazione con 18 Botteghe Storiche di Galleria&Friends, mette in vetrina i lavori dell’artista Luigi Angiuli. Dal 17 novembre al 15 dicembre, passeggiando per la Galleria Vittorio Emanuele II, via Manzoni, piazza San Babila, via Dante, via Torino, Porta Romana il pubblico può incontrare l’arte astratta di questo artista eclettico “incorniciata” dalla creatività degli storici artigiani milanesi.

Una grande caccia al tesoro in cui ogni opera si collega alle altre secondo un itinerario di rimandi misteriosi e affascinanti. Il desiderio di scoprire i quadri si fonderà con il piacere di incontrare location d’eccellenza scelte fra le migliori Botteghe Storiche del centro di Milano che sorprenderanno il visitatore per la ricchezza delle loro proposte.

Sono tre i momenti clou che accendono il percorso espositivo. Il vernissage presso la celebre e prestigiosa Galleria di Alberto Bolzani in via Morone 2. L’incontro d’arte presso la Libreria Bocca di Giorgio e Monica Lodetti in Galleria V. Emanuele II 12. Il finissage nelle sale del rinomato Ginrosa dove Francesco De Luca con la moglie Nicoletta intrattengono i clienti con il loro aperitivo e l’ormai celebre Rosmagno, panettone profumato al Gin Rosa.

Luigi Angiuli è pittore di natura introversa che libera con improvvise e cromatiche esecuzioni pittoriche le proprie emozioni. Nato a Bari nel 1942 mostra da subito uno spirito libero e indipendente scegliendo attività che gli consentono di stare a contatto con la natura e le persone e di impegnarsi nella pittura, sua grande passione. 

Trasferitosi a Milano per necessità lavorative, non accantona la pittura che continua a praticare, costantemente stimolato dalla vivacità culturale della città che lo ospita.

Vicino agli espressionisti si avvale sia dell’olio, sia dei colori acrilici che tratta senza mezzi toni, con una sorta di gestualità, con contrapposizioni cromatiche anche violente, che però si amalgamano e rappacificano fra loro nella completezza del quadro finito. 

Figurativo, cerca sempre nel prossimo quadro il proprio capolavoro e le ragioni di sé stesso.

I suoi temi preferiti sono le figure femminili, in cui coglie il veloce e mutevole passaggio dei pensieri e dei sentimenti e le marine con cieli ed atmosfere cangianti e mari con acque chiare ed in perenne movimento, in cui appaiono lontane isole dai colori mediterranei, quasi fossero mitologici approdi di stremati naufraghi. 

Inconfondibili le sue “Città viste dal cielo”, planimetrie che, tramite la libera composizione di forme e colori, esprimono le peculiarità urbanistiche contemporanee con quell’amalgama di grandi vie, piccoli spazi, intersezioni quasi clandestine e vie private che sono specchio dell’animo umano.

Luigi Angiuli ha tenuto mostre in città italiane e capitali europee ed i suoi quadri sono presenti in molte collezioni.

Photo Credits: Galleria&Friends Milano

Di Francesca Lovatelli Caetani

- Published posts: 51

Redazione Milano da bere.

Comments are closed.